Team Building, Team Working o Team Coaching?

Team è la parola cuore del nostro lavoro, una parola bellissima, ricca di significato e piena di flessibilità. Non a caso Team è la radice di importanti funzioni che trattiamo quotidianamente: Team Building, Team Working e Team Coaching. Tantissimi termini di cui pochi però hanno chiarezza. Risulta quindi importante capirne non sono la differenza ma soprattutto la profondità degli aspetti che trattano. Ogni approccio è caratterizzato da metodologie diverse volto a rispondere a domande e bisogni diversi in base alle necessità.

Se il Team Building offre attività di divertimento volte ad affrontare e risolvere problemi in un breve arco di tempo, il Team Coaching invece offre un lungo percorso di formazione, per andare in profondità alle problematiche e sviluppare delle soluzioni adatte e personalizzate alla singola situazione. Non è quindi da dare per scontato il loro significato ma, anzi, è fondamentale sapere il valore di ogni termine e la sua funzione in un percorso di crescita e miglioramento del Team.

Team Building

Team Building, in italiano letteralmente ‘costruzione della squadra’, si riferisce a delle attività meramente ludiche che hanno l’obiettivo di sviluppare uno spirito di squadra ma non solo. Tramite divertenti attività ci saranno stimoli che metteranno il team di fronte a situazioni in cui coordinazione, collaborazione e comunicazione saranno indispensabili per la buona riuscita dell’attività stessa. Non sono quindi necessari momenti di riflessione espliciti poiché l’attività, sotto i panni di mero divertimento, nasconde un incoraggiamento alla coesione del Team. Le attività possono avere anche una breve durata (1 o 2 ore) e svolgersi con gruppi molto ampi.

 

Attività di Team Building

Cooking

Movie Making

Urban Game

Tante altre

Cooking Team Building a Milano
Team Building Mystery City Game
Urban Team Building: Urban Game iPad
Crazy Car Race Action Team Building
Organizza un Team Building con noi!

Team Working

Nella modalità di Team Working si inizia ad andare più in profondità. Dal ludico si aggiunge un’analisi, quindi si passa a osservare la squadra in fase di lavoro per verificare l’approccio, la comunicazione e tutti gli elementi caratteristici nelle interazioni tra colleghi. All’inizio dell’attività verranno dati degli stimoli precisi al Team con l’obiettivo di lavorare su determinati aspetti e alla fine ci sarà invece una fase di riflessione e condivisione dei diversi membri riguardo alle loro opinioni, emozioni e sensazioni. L’analisi quindi non sarà limitata all’aspetto funzionale ma si approfondiranno aspetti anche, e soprattutto, emotivi.

Il confronto dell’attività appena svolta aiuterà il team a rivivere mentalmente quello che è successo ma con un punto il punto di vista dell’altro, permettendo di mettere in luce momenti e sfumature che a volte possono sfuggire ad un solo individuo. La condivisione di emozioni inoltre è un aspetto spesso assente negli ambienti lavorativi, causando barriere che è possibile abbattere solo con un’analisi più aperta. Con queste riflessioni interne sarà possibile poi costruire le basi per un futuro con più spirito di squadra e collaborazione.

Organizza un Team Working con noi!

Come suggerisce il termine ‘coaching’, in questa fase inizia un verso e proprio percorso di allenamento. Con ‘allenamento’ intendiamo un lungo processo che vedrà il team definire e raggiungere un determinato obiettivo.

Come si definisce un obiettivo?

La prima parte è proprio quella di definire un obiettivo, che sia chiaro e condiviso da tutti. In base alle caratteristiche dell’obiettivo scelto l’allenamento da svolgere presenterà delle caratteristiche ben definite che permetteranno il raggiungimento del traguardo nella maniera più ottimale possibile. Basta pensare ad un gruppo di calcio, se la squadra ha l’obiettivo di raggiungere la serie B dovrà impegnarsi in una preparazione atletica di un certo tipo, se invece l’obiettivo è quello di partecipare e divertirsi nel campionato amatoriale di quartiere, allora la preparazione sarà completamente diversa. Lo stesso vale nelle realtà aziendali, è importante sapersi porsi degli obiettivi adatti: aumentare le performance, migliorare il clima, ottimizzare i processi o rafforzare le relazioni interpersonali. Come noterete sono tutti obiettivi diversi che hanno bisogno di un percorso specifico ma che, allo stesso tempo, rimangono correlati tra loro.

Qual è il ruolo dei membri del Team?

Il percorso di coaching quindi si apre con una fase di allineamento e con la definizione del traguardo da raggiungere da parte del Team. Successivamente, inizia una fase in cui ogni membro capisce e decide che ruolo vuole avere in questo percorso: le sue responsabilità, le sue competenze e la sua partecipazione. Si passerà poi in una fase di definizione dei valori che si vogliono trasmettere, su quali si vuole puntare ma anche quelli necessari per far far diventare il sogno in realtà. Infine, si definiranno dei micro obiettivi, obiettivi più piccoli che suddividono l’intero percorso in fasi più piccole e che dovranno essere monitorizzare periodicamente.

Quanto dura un percorso di Coaching?

Chiaramente si tratta di un lungo cammino, non percorribile in una solo giornata ma ha bisogno di diversi mesi o anni. In questa maniera sarà possibile dare il giusto tempo al Team per interiorizzare i concetti trattati e di metterli in pratica. Sarà inoltre possibile fare degli aggiustamenti continui volti ad ottimizzare volta per volta il percorso intrapreso. I risultati ottenibili da un’esperienza di Team Coaching hanno una ripercussione di lungo termine che può portare anche una completa rivisitazione di alcune dinamiche aziendale. Si tratta di un’azione profonda per il raggiungimento di un miglioramento complessivo: un vero e proprio investimento per il benessere della propria realtà lavorativa.

Organizza un Team Coaching con noi!