Team Building Survival: prove di sopravvivenza

Team Building Survival rappresenta una modalità avventurosa e intelligente per vedere il team a lavoro. La sopravvivenza (o il comfort) del team dipenderà da quanto bene gli individui riusciranno a lavorare insieme. Portiamo i membri della squadra in un luogo sconosciuto e impervio come un parco, un bosco o persino le montagne innevate, per mettere sotto stress le capacità di Problem Solving e di Crisis Management.

 

 

I trainer specializzati nella disciplina del Team Building Survival metteranno a disposizione dei partecipanti alcune nozioni di base di sopravvivenza nella natura selvaggia. Questo però avverrà solo dopo che avranno osservato in che modo il team stesso affronta la soluzione di problemi e sfide lanciate. Anche in un team building d’azione, infatti, la nostra attenzione si focalizza principalmente sul team building. Come reagiscono agli stimoli esterni i membri della squadra? Come comunicano tra loro nel momento di stress? In che modo e in quanto tempo sono in grado di elaborare una strategia e una tattica per risolvere i problemi posti davanti a loro?

 

Lo sviluppo della squadra

Survival Training Team BuildingIn un bosco, dove mancano tutti i punti di riferimento e le risorse cui siamo abituati ad attingere, emergono le capacità di “despecializzazione” di “improvvisazione”. Ogni membro del team è costretto sfruttare le proprie caratteristiche personali per aiutare il gruppo ad affrontare le sfide.

A poco serve essere esperti arcieri se non si è capaci di osservare il territorio. A poco serve saper leggere una bussola se non si ha una mappa. La capacità di reinventare e riutilizzare risorse destinate ad altri scopi diventa fondamentale. Ma anche l’interazione tra le persone: le potenzialità di ciascun membro del team devono essere sfruttate appieno per creare un gruppo compatto e completo, capace di risolvere ogni tipo di problema.

La capacità di improvvisazione, la compattezza del team, la dimensione del gruppo che prevale su quella del singolo sono variabili facilmente osservabili in un contesto dove alcune emozioni sono particolarmente “stressate”. L’esperienza del Survival diventa così un momento di apprendimento importante per i singoli e per tutta la squadra.

 

 

Con il termine Survival si intende la capacità di fronteggiare situazioni inaspettate con risorse non predisposte apposta per quella situazione. Non si tratta quindi di un Team Building stile “Isola Dei Famosi” ma si tratta di un’attività dove si vuole mettere il Team a risolvere un problema senza le soluzioni pensate ad hoc.

Perché?

Oggigiorno siamo abituati a ottenere le soluzioni sempre da una fonte esterna, come il collega, il manager di dipartimento e così via. E quindi il “muscolo” che utilizziamo per pensare e trovare soluzioni si atrofizza lentamente. Questo Team Building è quindi pensato per stimolare la nostra abilità e creatività nel trovare soluzioni anche in contesti molto difficili. E’ incredibile come queste situazioni riescano a farci scoprire aspetti di noi, o di altri, che non ci aspettavamo. Le soluzioni sono sempre dietro l’angolo, c’è solo bisogno di un po’ di ingegno e reattività per trovarle: si riscopre così come ogni oggetto abbia un’infinità di possibilità.

Il nostro Team Building Survival è quindi un format che presenta attività molto variegate. Permette soprattutto di capire come da soli si possa arrivare fino ad un certo punto e come invece con il Team non esistano veri limiti.

 

Quali prove il Team dovrà affrontare in un Team Building Survival?

  • Imparare a usare corde e nodi
  • Costruire un riparo
  • Accendere il fuoco
  • Costruire un “ponte tibetano” per imitare l’attraversamento di un fiume.