More of TeamWorking
Articoli
Kinds of plastic

Riciclare la plastica

Riciclare la plastica: un trend positivo

In un recente articolo abbiamo iniziato a parlare della plastica. E’ un materiale prezioso, poiché deriva in buona parte dal petrolio, e in questa nostra epoca è anche il materiale più usato quotidianamente.

La cattiva notizia è che la plastica è un materiale inquinante, che sporca i nostri mari e le nostre spiagge e mette in pericolo la sopravvivenza di intere specie animali e vegetali, e dunque, in prospettiva, anche la nostra stessa esistenza.

La buona notizia è che molta della plastica è riciclabile: attraverso determinati processi di lavorazione possiamo creare nuovi oggetti a partire da oggetti ormai inutilizzabili.

La tendenza degli ultimi anni è quella di promuovere il riciclo della plastica, realizzando progetti che mostrino con evidenza l’utilità di questo riuso. Così, a Milano in questi giorni sono in atto ben due iniziative che riguardano i bambini. Il primo si intitola “Riciclo e coltivo“: 12 mila kg di plastica derivante dai piatti usati nelle mense delle 175 scuole d’infanzia milanesi sono stati raccolti e trasformati in contenitori per coltivare, nelle stesse scuole d’infanzia, le piante aromatiche come basilico e prezzemolo, e piccole verdure come pisello nano e pomodoro. Il vantaggio dell’operazione è duplice: da un lato, le stoviglie di plastica hanno trovato una nuova vita; dall’altro, i bambini potranno avere un piccolo orto verticale nel quale osservare lo sviluppo delle piantine. Insomma, un progetto ecologico di grande riuscita!

Il secondo progetto partirà tra pochi giorni, a maggio. Si tratta di un’area giochi, situata nel Parco delle Basiliche, realizzata da Levissima con un progetto che ha preso le mosse da Expo Milano 2015 e ora donata al comune di Milano. Più di 500 metri quadri di giochi fatti interamente di plastica riciclata, che faranno scoprire anche ai più piccoli i vantaggi derivanti dal riutilizzo di questo materiale!

Questi progetti sono di grande interesse, ma sono stati fatti da grandi aziende che avevano a disposizione tonnellate di plastica da utilizzare, macchinari industriali, ingegneri e designer per la stesura del progetto. Le autorità ci dicono che noi dobbiamo badare solo a fare per bene la raccolta differenziata e al resto penseranno loro… Ma c’è forse qualcosa che possiamo fare anche noi nel nostro piccolo?

Cosa possiamo fare noi?

Abbiamo pensato di proporre alle azienda una nuova attività di team building creativo che comprenda la raccolta e il riciclo del materiale plastico per la sua trasformazione in oggetti nuovi. Attraverso questo format i partecipanti non solo creeranno oggetti fantasiosi che poi potranno essere donati in beneficenza o decorare gli spazi dell’ufficio o dell’azienda. Aiuteranno anche lo smaltimento dei rifiuti, ripulendo uno spazio pubblico come un giardino, un bosco o una spiaggia dalla spazzatura. Faranno bene, dunque, alla natura, alla comunità e a se stessi! Quale altra attività può vantare così tanti effetti positivi?!

1Comment

Post A Comment

Contattaci per maggiori informazioni o per richiedere un preventivo!