More of TeamWorking
Articoli
Christo Vladimirov Yavachev

Christo torna in Italia e… fa camminare sulle acque!

Il progetto

Dopo oltre 40 anni dall’ultimo progetto (l’imballaggio della Porta Pinciana a Roma nel 1974), torna in Italia l’artista di fama internazionale Christo, uno dei maggiori rappresentanti mondiali della land art. Christo Vladimirov Yavachev (nato il 13 giugno 1935) continua a firmare i suoi progetti con i nomi “Christo e Jeanne-Claude” come faceva durante la collaborazione con la moglie, Jeanne-Claude Denat de Guillebon (13 giugno 1935 – 18 novembre 2009).

Il nuovo e ambizioso progetto italiano, che aprirà al pubblico tra poco più di un mese, il 18 giugno 2016, è The Floating Piers. Si tratterà di un ponte, lungo 4,5 km, teso sopra la superficie del lago d’Iseo. Il ponte sarà sostenuto da un sistema modulare di pontili galleggianti in polietilene ad alta densità larghi 16 metri e alti 50 cm. La struttura non avrà alcun limite di portata: possiamo starci tutti!

Dove?

L’installazione si svilupperà in cerchio tra Sulzano e Monte Isola (località di Peschiera Maraglio e Sensole) con due diramazioni che condurranno all’isola privata di San Paolo. Si accederà da Sulzano e da Monte Isola.

Quando?

Dal 18 giugno al 3 luglio, per 16 giorni complessivi, 24 ore al giorno: il ponte sarà infatti percorribile anche di notte, quando sarà appositamente illuminato! L’accesso sarà gratuito e non ci sarà possibilità di prenotazione, dunque l’unica opzione sarà quella di fare la coda aspettando il proprio turno.

Come?

Christo suggerisce ai visitatori di camminare scalzi per sentire il movimento delle onde sotto i piedi; comunque è meglio scegliere scarpe comode, sia per non danneggiare l’opera d’arte, sia per godersi al massimo la lunga passeggiata. Sono vietati skateboard, pattini e biciclette, i cani sono ammessi se dotati di guinzaglio e museruola. Ammessi anche tutti i tipi di passeggini e carrozzine.

Purtroppo, non ci sarà invece concesso di sdraiarci per prendere il sole né di fare il bagno!

Il riciclo

Al termine dell’evento l’intera struttura sarà smantellata e dismessa attraverso un processo industriale di riciclaggio: dunque possiamo stare tranquilli, nessun danno verrà fatto all’ambiente.

No Comments

Post A Comment

Contattaci per maggiori informazioni o per richiedere un preventivo!